Le infinite possibilità del digital allo IAB Forum 2016

Limitless Possibilities

Le possibilità di comunicazione attraverso il digital sono infinite. Ed è proprio attorno al concetto Limitless Possibilities  che ruota l’edizione 2016 dello IAB Forum in programma al MiCo di Milano (Ala Nord di Via Gattamelata 5 – Ingresso Gate 14) dal 29 al 30 novembre. Si parlerà dell’evoluzione che coinvolge i più diversi ambiti: comunicazione, mobilità, intelligenza artificiale, produzione industriale, mobilità, robotica e molto altro ancora. Visioni e realtà del presente e del futuro digitale saranno raccontate da ospiti nazionali e internazionali tra i quali Samuel Keret, Vice President Business Development di Waze; Sebastien Gendron, Founder & CEO di Transpod. Quindi non solo campagne con le modalità classiche di erogazione sugli spazi destinati alla pubblicità, ma coinvolgimento reale dell’utente, inbound marketing, programmazione non invasiva e in linea con gli interessi dei clienti.
Ricco anche il programma degli workshops che in ambedue le giornate iniziano alle 14.30 per terminare alle 18. Tra gli interventi da segnare in agenda, troviamo Publicis Media con l’eloquente intervento “Verso un futuro 100% programmatic”. Sempre di programmatic si parlerà con Davide Ingrassia di Adform nell’intervento che esce dal tipico ambito di siti e apps “Il programmatic advertising sbarca nel mondo Outdoor: la partnership Adform – Grandi Stazioni”. Interessante anche il punto di vista di Fontimedia sulle strategie di comunicazione realizzate sulle reali esigenze del cliente con “Sviluppo commerciale B2B: generare nuove opportunità di business con l’Inbound Marketing – la strategia più efficace nell’era digital”. Gli workshops sono organizzati su 6 aree tematiche che interessano tutti i trend del momento come social media, native e programmatic.
L’edizione 2015 dello IAB Forum ha coinvolto oltre 14.000 visitatori. L’edizione di quest’anno presenta un programma di oltre 70 workshop accanto ad un’area espositiva di oltre 100 operatori del digital. Come sempre la partecipazione all’evento è completamente gratuita, le iscrizioni sono già aperte sul sito dello IAB Forum.

Adweek: i digital trend del momento

Social Network

Prendiamo spunto da Adweek per trovare i digital trend che hanno maggiormente caratterizzato la settimana appena trascorsa:

  1. Sono molti i brand che hanno testato Periscope e Meerkat
    L’agenzia di marketing Brandlive ha intervistato 200 dirigenti di aziende della grande distribuzione e della vendita di beni di consumo, trovando che il 44% di loro ha provato almeno un livestreaming nel corso del 2015. Circa il 25% di tutti i brand coinvolti nella ricerca, si sono detti favorevolmente impressionati dai risultati ottenuti e il 39% di questi hanno affermato che includeranno regolarmente la strategia video all’interno dei loro piani marketing.
  2. Facebook è cresciuto di 1 milioni di inserzionisti nel corso dell’ultimo anno
    Il social network ha affermato di avere tre milioni di inserzionisti crescendo di un milione rispetto ad un anno prima.
  3. Il social advertising continua a correre
    Anche Instagram sta crescendo molto in termini di raccolta pubblicitaria: La piattaforma di contenuti social-visual è già arrivata a 200.000 inserzionisti a soli cinque mesi dal lancio del servizio di advertising.
  4. Crescita inarrestabile dell’Internet of Things
    Marc Jones, CEO di Aeris Communications (società specializzata nella fornitura di servizi per la comunicazione tra dispositivi) ha riportato al MWC di Barcellona che il loro network ha ormai raggiunto i 7 milioni di devices raddoppiandoli in un anno.
  5. Buzzfeed continua la sua corsa
    L’editore di social-news, ha riportato all’MWC di Barcellona che il network ha ormai raggiunto i 6 miliardi di visite. Non importa quindi tanto la qualità della notizia, ma come viene promossa dai social.
  6. Lunga vita all’e-book
    Sono ormai trascorsi oltre cinque anni dal debutto degli e-reader, ma strumenti come il Kindle di Amazon e il Nook di Barnes & Nobles non sono affatto obsoleti. eMarketer prevede un ulteriore aumento degli utilizzatori del 3,5% arrivando ad un totale di 86 milioni di lettori entro il 2016.
  7. Apple si apre ai social network
    Dopo essere rimasta alla finestra per diversi anni, Apple ha deciso di lanciarsi finalmente anche nei social: l’azienda di Cupertino ha così aperto un profilo su Twitter che nel giro di due ore ha raggiunto i 25.000 followers. Dopo sei ore erano già 65.000.
  8. Tutti cercano la lead generation
    Direct Marketing News ha condotto una ricerca su 239 dirigenti riguardo all’importanza della conversione rispetto all’attività pubblicitaria. Dallo studio è emerso che per ben il 61% di questi diventa fondamentale il riscontro in termini di lead generation.

Instagram multiaccount. Ma non solo

Instagram multiaccount

Il multi account su Instagram ormai è realtà su tutti i dispositivi per la felicità di molti social media manager non più costretti a continui login (o peggio a portarsi dietro più telefoni) per aggiornare tutti i profili che seguono. Nelle “Opzioni” dell’app basta scorrere fino in fondo per trovare “Aggiungi Account”, per ora se ne possono aggiungere un massimo di cinque.

Ma questa non è l’unica novità dal social di foto: già dalla fine del 2015 è disponibile Boomerang, un’applicazione che permette di ripetere in loop dei movimenti registrati dalla fotocamera. Basta scaricare l’app, selezionare l’effetto che si desidera applicare ed il gioco è fatto. Boomerang è solo l’ultima delle applicazioni per Instagram che si va ad aggiungere a Layout e Hyperlapse. Con Layout si possono unire più foto in un’unica immagine partendo da dei layout proposti che possono essere facilmente modificati. Hyperlapse è forse la più conosciuta grazie alla semplicità nel creare sequenze in time-lapse. L’idea alla base del funzionamento di questa app è molto semplice: vengono confrontati due frame successivi e si rilevano i bordi dove compare il tremolio. In questa maniera il video si stabilizza e otteniamo qualcosa di vicino a quanto si può ottenere con una steady-cam.
Un’altra novità riguarda l’introduzione anche in Instagram, di una logica nella pubblicazione dei post molto simile a quanto accade in Facebook con l’edge-rank. Se finora in Instagram non se ne era sentito il bisogno, con un’utenza continuamente in crescita è necessaria una sorta di “selezione” di quello che passa nei feed. E come nel rank di Facebook, chi lavora nel social marketing deve capire quali sono i nuovi criteri da tenere in considerazione in modo da avere la diffusione più ampia possibile.
Viene infine confermato il rilascio del client ufficiale Instagram anche per Windows Phone in modo da offrire anche a questa fetta di utenti un’esperienza il più possibile completa e non più in beta.

Attualmente Instagram conta su 400 milioni di account attivi. Il 20% della popolazione complessiva di Internet utilizza questo social network e sono 75 milioni gli utenti attivi su base giornaliera. Gli utenti attivi Instagram in Italia sono stimati attorno ai 7 milioni.