Facebook live: la diretta è il trend del momento

Facebook live

Facebook live con l’aggiornamento dell’applicazione Facebook di questi ultimi giorni è ormai diffusa anche su quasi tutti gli smartphone Android. Stranamente a lungo era stato escluso dal Live il Samsung S7, ma ora anche questo device può iniziare a trasmettere. Per quanto riguarda i dispositivi Apple, la funzione era disponibile dall’inizio di quest’anno. Il trend delle riprese video in diretta è in costante crescita e con la discesa in campo di Facebook era logico che questa tendenza si rafforzasse ulteriormente.
Oltre alla diffusione della diretta, Facebook sta introducendo via via delle nuove opzioni che vanno a completare l’esperienza della trasmissione. La prima è la mappa disponibile sotto le Applicazioni dell’Homepage di Facebook. La funzione si chiama “Video in diretta” e aprendola si forma una mappa con tanti puntini che corrispondono alle trasmissioni attive in quel momento. Per ora la precisione della mappa si ferma alla città perché i tecnici di Menlo Park hanno voluto evitare eventuali problemi alla privacy come quelli contestati a Periscope di Twitter che permetteva una localizzazione più precisa. Ovviamente la scelta di comparire sulla mappa resta sempre a discrezione dell’utente.
Su Facebook live sono inoltre stati resi pubblici gli “Engagement graph”, le analisi di una trasmissione per scoprirne i punti salienti. In questo modo chi si va a vedere la registrata, può saltare direttamente ai momenti che hanno richiamato più attività del pubblico. Anche le reazioni degli utenti vengono riproposte rispettando i tempi della diretta.
Per chi avesse in mente l’apertura di un canale news no-stop, è stato anche superato il limite dei 90 minuti e ora la programmazione può avvenire in modalità 24 ore su 24. In questo caso si perdono alcune caratteristiche come l’analisi dei picchi spiegata precedentemente, ma con l’aggiunta delle scritte in sovraimpressione che sono già disponibili, si può ben capire come il necessario per un canale vero e proprio sia ormai alla portata di tutti.
Lato nostro non ci risparmieremo di provarlo per i nostri clienti, ne vediamo infatti svariate possibilità anche a livello di comunicazione diretta con i clienti.

Adweek: i digital trend del momento

Social Network

Prendiamo spunto da Adweek per trovare i digital trend che hanno maggiormente caratterizzato la settimana appena trascorsa:

  1. Sono molti i brand che hanno testato Periscope e Meerkat
    L’agenzia di marketing Brandlive ha intervistato 200 dirigenti di aziende della grande distribuzione e della vendita di beni di consumo, trovando che il 44% di loro ha provato almeno un livestreaming nel corso del 2015. Circa il 25% di tutti i brand coinvolti nella ricerca, si sono detti favorevolmente impressionati dai risultati ottenuti e il 39% di questi hanno affermato che includeranno regolarmente la strategia video all’interno dei loro piani marketing.
  2. Facebook è cresciuto di 1 milioni di inserzionisti nel corso dell’ultimo anno
    Il social network ha affermato di avere tre milioni di inserzionisti crescendo di un milione rispetto ad un anno prima.
  3. Il social advertising continua a correre
    Anche Instagram sta crescendo molto in termini di raccolta pubblicitaria: La piattaforma di contenuti social-visual è già arrivata a 200.000 inserzionisti a soli cinque mesi dal lancio del servizio di advertising.
  4. Crescita inarrestabile dell’Internet of Things
    Marc Jones, CEO di Aeris Communications (società specializzata nella fornitura di servizi per la comunicazione tra dispositivi) ha riportato al MWC di Barcellona che il loro network ha ormai raggiunto i 7 milioni di devices raddoppiandoli in un anno.
  5. Buzzfeed continua la sua corsa
    L’editore di social-news, ha riportato all’MWC di Barcellona che il network ha ormai raggiunto i 6 miliardi di visite. Non importa quindi tanto la qualità della notizia, ma come viene promossa dai social.
  6. Lunga vita all’e-book
    Sono ormai trascorsi oltre cinque anni dal debutto degli e-reader, ma strumenti come il Kindle di Amazon e il Nook di Barnes & Nobles non sono affatto obsoleti. eMarketer prevede un ulteriore aumento degli utilizzatori del 3,5% arrivando ad un totale di 86 milioni di lettori entro il 2016.
  7. Apple si apre ai social network
    Dopo essere rimasta alla finestra per diversi anni, Apple ha deciso di lanciarsi finalmente anche nei social: l’azienda di Cupertino ha così aperto un profilo su Twitter che nel giro di due ore ha raggiunto i 25.000 followers. Dopo sei ore erano già 65.000.
  8. Tutti cercano la lead generation
    Direct Marketing News ha condotto una ricerca su 239 dirigenti riguardo all’importanza della conversione rispetto all’attività pubblicitaria. Dallo studio è emerso che per ben il 61% di questi diventa fondamentale il riscontro in termini di lead generation.