Novità per i tools adv di Facebook mobile

Facebook mobile

Facebook mobile è stato protagonista ai Cannes Lions 2016; in occasione dell’appuntamento annuale sulla pubblicità, ha infatti annunciato l’introduzione di nuovi strumenti per aiutare gli inserzionisti pubblicitari a migliorare le performance su smartphone e tablet. Il social network di Menlo Park, già oggi guadagna dai dispositivi mobili l’82% del totale delle sue entrate pubblicitarie. Il mobile è arrivato al 71% sul totale degli investimenti digital e per il 2020 è previsto che tocchi il 32% della spesa pubblicitaria totale: “Noi vogliamo arrivare a dare l’opportunità alle persone di costruire da qualsiasi posto dove si trovano, dare loro la possibilità di approvare i lavori e ottimizzare per mobile direttamente da uno smartphone” ha dichiarato Mark D’Arcy, chief creative officer di Facebook.

Facebook punta a questi obiettivi, rendendo accessibili da mobile due dei suoi più popolari tools per l’advertising: Canvas e Slideshow. L’obiettivo è anche quello di dare la possibilità di realizzare sempre più campagne anche a chi si trova in una zona con accesso prevalente da smartphone.
Per quanto riguarda Canvas, l’aggiornamento consentirà ai digital marketer di realizzare gli annunci in maniera più semplice e di avere dei report più dettagliati sulle campagne. Questo formato inoltre dovrebbe essere esteso anche ai post e non solo alle inserzioni pubblicitarie.
Slideshow vedrà miglioramenti soprattutto per l’utilizzo della traccia audio e per l’inserzione di testo in sovraimpressione. Le campagne potranno essere create direttamente da mobile integrando immagini da Pages Photo Library e da Shutterstock.
E’ stata inoltre presentata anche Creative Hub, una piattaforma ottimizzata per smartphone, dove i pubblicitari potranno ottimizzare le inserzioni per il social. Su questa piattaforma si potranno mettere a confronto diversi formati e vedere quale performa meglio. Creative Hub per ora è in test, non è stata annunciata la data di rilascio ma nel frattempo ci si può iscrivere alla lista di chi è interessato al prodotto.

Ricordiamo che oltre a Facebook mobile, questi strumenti saranno disponibili anche a chi voglia pianificare su Instagram. Secondo eMarketer quest’anno Instagram arriverà a 1,53 miliardi di dollari di guadagni grazie all’investimento di 200.000 inserzionisti.

La Digital Display sorpassa la Search

Secondo eMarketer la Digital Display quest’anno negli Stati Uniti sorpasserà gli investimenti sul Search Advertising

adv_display

Per la prima volta in assoluto, si profila un sorpasso degli investimenti sulla Display Advertising a danno della Search. Per ora questa tendenza si dovrebbe vedere solo negli Stati Uniti dove video, rich media, banner e sponsorship dovrebbero arrivare nel 2016 a un totale di 32,17 miliardi di dollari.

A sorpresa, all’interno del Digital Display, è prevista una decisa crescita dei banner tradizionali che però beneficeranno anche del native advertising e delle inserzioni su Facebook e Twitter. In forte crescita anche il video che dovrebbe arrivare ad un totale di 9,59 miliardi di dollari per il 2016.

Per quanto riguarda la divisione degli investimenti fra desktop e mobile, il primo è ancora il maggior beneficiario delle iniziative advertising sul video. Gli altri tre formati invece andranno maggiormente su mobile, con una spesa prevista del 77,5% sui complessivi 22,5 miliardi di dollari che si dovrebbero spendere tra banner, rich media e sponsorships.

Dal report di eMarketer viene quindi confermato il trend al rialzo per il video che mette d’accordo tutti gli osservatori; d’altra parte però si sottolinea come campagne cross-device, programmatic advertising e viewability contro le frodi cresceranno sempre di più d’importanza nel guidare gli investimenti sul digital.