Podcast ADV: ora si può guadagnare anche dagli show

Podcast ADV

Podcast ADV è un termine che finalmente inizia ad avere senso e che può anche dare senso ai tanti show distribuiti in Rete che finora non sono riusciti a generare alcun introito per i loro autori. Un esempio è la serie “The Memory Palace” di Nate DiMeo, un podcast attivo dal 2008 che a parte qualche donazione sporadica non ha mai avuto una seria strategia commerciale. Nello show DiMeo ripercorre momenti di storia americana accompagnandola con una ricercata selezione musicale. “Per diversi anni ho mandato avanti questo show che ha raggiunto anche i 75.000 ascoltatori. Avevo dei buoni riscontri d’ascolto, ma nessuna strategia di business che mi permettesse di guadagnare” osserva Nate DiMeo.

Alla fine però è arrivata PRX che attraverso il network Radiotopia ha finalmente ha permesso all’autore di rendere redditizia la sua attività con il podcast ADV. Radiotopia ha venduto degli spazi all’interno dello show per una media di $ 6.000 a spot. Il primo sponsor della trasmissione è stato Mailchimp, ma poi sono arrivati anche Squarespace e Slack. Ma oltre all’opportunità di monetizzazione, il network di Radiotopia ha dato visibilità a “The Memory Palace” che sfruttando una regolare programmazione è arrivata a 1 milione di download mensili, quadruplicando il totale di puntate scaricate nell’arco di pochi mesi.
“In uno show come Memory Palace l’ascoltatore entra in un vortice di narrazione che non vuole interrompere” spiega Kerri Hoffman coo di PRX “per questo facciamo molta attenzione a dove i nostri spot vengono trasmessi: le inserzioni non devono essere in contrasto con il resto dello show per non essere percepite come intrusive”.
Ma se le nuove soluzioni tecnologiche sono riuscite ad aprire anche il mondo dei podcast alla raccolta pubblicitaria, la misurazione della loro reale efficacia deve compiere ancora qualche passo in avanti. Radiotopia utilizza come metrica il numero di download mensili, approssimando che i due/terzi si convertono in reali ascolti. Non c’è però ancora una soluzione ufficiale che permetta di conteggiare esattamente il numero di inserzioni ascoltate.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *